Come una fotografa freelance affronta il Corona Virus

corona virus fotografa freelance

Qui troverai tutte le indicazioni che ho raccolto per aiutarti il più possibile a superare questo momento difficile, per i freelance tutti, in particolare noi fotografe, ma non solo.

Queste indicazioni sono frutto di esperienza personale ed è giusto che tu lo sappia, alla fine le troverai tutte completamente negate.

Come sopravvivere al Corona Virus?

Pianificazione flessibile

Ve l’avevo già accennato ad inizio anno, la pianificazione è super importante.
Ora se negli ultimi anni hai pianificato bene in questo momento potrai riprendere in mano il tuo planning annuale, che se hai fatto bene era un planning flessibile e spostare i servizi che stai perdendo più avanti. Inoltre se alla tua pianificazione è seguito un piano marketing coerente ed una gestione corretta del business, avrai il budget per sopravvivere nei prossimi mesi, nonostante le mancate entrate.

Si, ok ma il Planning non l’ho fatto bene e gestione economica che?

In questo caso, puoi considerare questo evento come un grande insegnamento, fermare tutto e concentrarti su un lavoro a lungo termine, molto più a lungo termine del previsto. Prendilo come un segno dell’universo per permetterti di rendere sostenibile il tuo business al 100%

 

Revisione generale del proprio Business

Ci lamentiamo sempre di non avere tempo. Ci alziamo, scattiamo, postproduciamo e andiamo a letto. Così spesso in questa routine fatta di millemilapolenta ore al computer sempre di corsa ci dimentichiamo dove stavamo correndo. Così chiediti: il tuo business sta andando esattamente nella direzioni in cui vuoi o ti sei lasciata prendere dagli eventi?
Magari fai matrimoni, ma in realtà sognavi di fare fotografia di branding o viceversa.
Ecco cosa puoi fare:

  • Lavora sulla tua visione
  • Fai un Rebranding 
  • Ripensa a tutti i tuoi servizi, ti rappresentano ancora? Come li puoi modificare, quali puoi eliminare e quali tenere?

Migliorare la tua comunicazione online ed offline

Hai presente il ciabattino che manda in giro i figli con i piedi scalzi?
Ecco, spesso noi fotografi siamo così. Produciamo immagini per la comunicazione altrui, ma la nostra la lasciamo sempre per ultima, che spesso significa MAI.
Ecco come puoi utilizzare questa paura “forzata”:

  • Rivedi tutti i contenuti del tuo sito: ti rappresentano?
    Ci sono servizi che puoi eliminare?
    Rivedi soprattutto l’about page e l’immagine che ti rappresenta. Quella sul sito non vale dieci anni come la carta d’identità
  • Rivedi la comunicazione dei tuoi servizi/sales pages. È solo online? hai anche brochure cartacee o in pdf?
    Se è solo parziale è tempo di rimediare!
  • Rivedi la tua comunicazione online. Su quali canali ti sei concentrata ultimamente?
    Quali hai trascurato e potresti portare alla ribalta?
    È ora di mettere a posto le storie in evidenza su IG e pensare ad un calendario editoriale che spacca, si.

 

Magic Light

Mi spiace sono del partito “chi non lavora, non fa l’amore”

Se sei stacanovista fino all’osso e proprio non ce la fai a stare senza lavorare, o proprio non puoi per il problema di non esserti riuscita a creare un cuscinetto, a causa di una cattiva pianificazione (e qui automaticamente andrai a leggere il punto 1 di questo articolo su cui concentrarti), esiste un modo per lavorare comunque in sicurezza e legalmente in questa situazione?

  • Puoi scaricare qui il modulo di autocertificazione da compilare se durante gli spostamenti da casa a lavoro fossi fermato dalla polizia ad un posto di blocco.
  • Devi assicurare la sicurezza tua e dei tuoi clienti, utilizzando la mascherina, presidi medici disinfettanti e stare ad almeno un metro di distanza dei tuoi soggetti.
  • Puoi pensare a diversificare l’offerta dei tuoi servizi. Per esempio, per alcuni clienti questo mese io lavorerò lo stesso, perché i mie servizi di branding photography sono di due tipi: uno che prevede la presenza del cliente, uno che prevede che il cliente mi spedisca gli oggetti ed io li fotografi da sola nel mio studio.
    Magari tu non ti occupi anche di branding photography, ma se ci pensi forse puoi trovare un modo per spendere questo concetto al tuo lavoro. I limiti sono un ottimo modo per spronare il nostro cervello ed intuito a trovare “una terza via”.

Dedicati alla Creatività ed alla Spiritualità

Quel progetto personale che ti lamentavi sempre di non avere tempo di portare a termine?
Oppure la pratica spirituale e le lezioni di yoga che stai procrastinando da tempo immemore?
Qui sotto solo alcuni degli spunti che puoi prendere:

 

Formazione

Dedica questo tempo alla formazione!
Per ora su Magic Light abbiamo parlato di workflow, abbiamo giocato con le texture, ma molto molto molto altro sta per arrivare. Di sicuro, qui non ti annoierai. Nel frattempo non dimenticare di leggere un bel libro.

 

Non fare niente.

Ed ecco il punto con cui ti ho detto avrei praticamente rinnegato tutti i punti precedenti.
Personalmente appena ho saputo del decreto che includeva la mia città nella Zona arancione ho subito pensato a come utilizzare questo tempo, che si sa, per un freelance il tempo è denaro.
Poi ho deciso che non avrei fatto proprio niente.
Ho rimandato tutto quello che ho potuto rimandare. Credo dovrò comunque lavorare qualche ora al giorno per portare avanti Magic Light ed il mio sito, ma non cercherò di infilare il più possibile in questo tempo per sentirmi produttiva.
Non mi sottoporrò a regimi alimentari di purificazioni, meditazioni intensive e pratiche di yoga via Skype, così come non mi ammazzerò per creare mille mila contenuti per il mio Brand.
Perché?
Perché ho capito che se è successa questa cosa, ora, un motivo c’è.

Abbiamo bisogno di fermarci, di rallentare, di tornare a ritmi più umani, di scegliere, per comprendere quali siano le priorità. Non si può fare tutto, non si può “star sempre a fare”.

Credo che l’universo non sappia più come dircelo.

Perciò ecco, ti ho dato i miei consigli e poi ti ho dato quello più importante di tutti per me: non far niente di quello che ti ho detto.

In ogni caso, qualsiasi cosa farai, non c’è un giusto o sbagliato, ma io sono qui e se posso aiutarti lo faccio volentieri.

Un abbraccio,
Giui

Potrebbe interessarti anche…

crea la tua vision board
MOODBOARD
Iscriviti alla Newsletter di Magic Light per rimanere sempre aggiornata:

Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *